Ne parliamo tra amici, col profumo di caffè nell'aria.
Ultimi post
Ultimi commenti
Archivi

Quando non sai cos’è, è jazz

8 maggio 2014

Quella questione dei quadri, in Novecento, che stanno là da sempre poi chissà perché e per come, se in accordo col chiodo o no, ad una certa ora di un dato giorno Fràn, e vanno giù. Quella questione è stupenda. Spiega l’inspiegabile. Cioè non lo spiega. È inspiegabile. È il respiro rilassante dell’inspiegabile. È stupenda.

Quello è uno dei “miei” libri, e quella cosa dei quadri è una di quelle che più sento mie. Quelle righe che vai a rileggere ogni tanto in momenti differenti con stati d’animo differenti. E ogni volta si adatta differentemente ma a meraviglia ai momenti che stai vivendo. Come la musica. Tutti abbiamo delle cose che sentiamo nostre. Tutti abbiamo una musica nostra.
Stasera al salotto schiaccio play, leggo libri e osservo quadri.

Tante volte mi sono chiesto se il chiodo ha effettivamente un’anima. Una ragione. La forza ce l’ha per certo: prima dirompente da vincere un muro, poi sempre più decadente, vinta da quello stesso muro. Ma l’anima e la ragione non lo so. Non credo. Non ce lo vedo un chiodo commuoversi o far commuovere, o discutere. Non penso. I quadri, invece, dando per certo che un’anima e una ragione ce l’hanno – io sono uno che col quadro ci parla se ha qualcosa da dirmi. E no, non sono pazzo. E si mi lascio pure commuovere di nascosto se capita -, mi sono sempre chiesto se avessero anche quella forza fisica che a un certo punto li riesce a far scavalcare la capocchia del chiodo e venir giù. Mi sono sempre risposto no. Ho sempre voluto pensare che quando un quadro viene giù, se non è per la forza del chiodo che viene meno, allora è per la forza d’animo del quadro. Forza d’animo. Che non è la forza fisica del chiodo. È la potenza dell’anima del quadro. Un’anima talmente viva da mettersi in moto. E questo sodalizio tra la forza del chiodo e l’anima e la ragione del quadro, l’ho sempre visto come qualcosa di perfetto. Irrazionalmente perfetto. Forza, anima e ragione in un incastro prescritto. Specie quando Fràn, e termina. Fràn, e si trasforma. Come la perfetta struttura musicale e armonica che mentre racchiude in sé un’opera classica, all’improvviso Fràn e… Jazz.

E cambia il battito di chi guardava quel quadro. Cambia il battito di chi ascoltava quella musica. Reazioni. Emozioni. Entra in gioco il cuore. Si chiude il cerchio e Fràn. È jazz. E spiega tutto. È continua arte e musica negli occhi di chi guarda e ascolta.

Chagall. Matrimonio.

Info su Luca Carbonelli

Luca Carbonelli si occupa di sales e marketing per la azienda di famiglia, la Torrefazione Caffè Carbonelli s.a.s. La case history della sua azienda parte quando comincia a vendere il proprio prodotto sulla piattaforma ebay.it, dove, dopo poco viene inserito tra i migliori venditori della piattaforma nella categoria dedicata alle PMI. Successivamente crea www.caffecarbonellishop.com ed è costantemente impegnato nell'aggiornamento e restyling dell'identità della sua azienda sia online che offline. www.caffecarbonelli.it Appassionato di qualsiasi forma di comunicazione purchè funzionale. E' convinto che il feedback del cliente sia la miglior forma pubblicitaria.

Questa voce è stata pubblicata in:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I salottini
Il salotto del Caffè Fanpage
Torrefazione Caffè Carbonelli | © 2012 | Via Carlo Alberto Dalla Chiesa, 45 | 80017 Melito di Napoli | P.iva 02532471212 | Privacy Policy